martedì 26 febbraio 2008

Un uomo spericolato

Ferrara ha messo in homepage sul sito del Foglio il link al video della sua intervista alle Invasioni Barbariche, una performance riassumibile in termini tennistici con un 6-0, 6-0, 6-0 per Bignardi (al netto della maleducazione e delle cadute di stile del tipo "iconcina della Milano di Berlusconi"). Quindi, o l'uomo non si è reso conto del risultato, o le sue strategie comunicative stanno battendo strade mai battute prima, o non ha senso del ridicolo o se ne frega oppure tutte queste cose insieme.

7 commenti:

  1. Conosco gente che sabato ha dichiarato che Ferrara ne è uscito davvero bene da quello scontro. Pensa te.
    Io non saprei dire chi dei due abbia fatto la figura migliore ma devo ammettere che l'intervista mi è piaciuta un bel po'.

    RispondiElimina
  2. Non è proprio un cappotto, la Bignardi ha avuto una vera caduta di stile nel finale, con la storia delle giovani immigrate che abortiscono perché vogliono lavorare.
    Il fatto è che Ferrara parla ai suoi, che non sentono ragioni di sorta, se non le sue: il video ci sta eccome, in questo caso.
    Maria Sung

    RispondiElimina
  3. "io non infierirei"28 febbraio 2008 17:48

    anch'io conosco gente così: giuliano ferrara himself. il che risponde alla domanda della tenutaria.

    RispondiElimina
  4. Mi pare ovvio che la titolare qui fosse così già schierata in partenza che il punteggio 6-0 avrebbe potuto decretarlo anche prima.
    Al netto delle immigrate che abortiscono "per completarsi nel lavoro perché solo così poi si riesce per davvero a amare un bambino"

    A me pare che il giudizio definitivo sia quello di Sofri (che, peraltro, da marito dell'una e amico dell'altro mi sembra abbia più titoli di noi tutti per giudicare) che, appunto, dice che ci sono i giuliano ferrara himself e le darie bignardi too.

    E che gli striscioni da curva sud tipo il post qui sopra non facciano altro che confermarlo


    Vano

    RispondiElimina
  5. Non capisco il giudizio di Sofri che riporti, ma è sicuramente un problema mio. Detto questo, Ferrara ha fatto un incontro con la redazione di Grazia una settimana prima di quello con Bignardi e in quel caso aveva vinto lui, senza discussione. Questo per dire che non ero e non sono schierata in partenza. Di quell'incontro non mi sono piaciuti i toni (di lui) e alcune uscite (di lui, ma anche di lei). Però una verità va detta: Ferrara è stato messo in difficoltà dall'unica persona fino ad ora in grado di affrontarlo duramente, senza troppi intellettualismi, dicendogli chiaramente in faccia quello che la maggioranza delle donne pensa ovvero: pensa che siamo tutte sceme? pensa davvero che andiamo ad abortire saltellando su un piede solo dalla gioia?

    RispondiElimina
  6. "(...) Già. Però a me sembra che se si prende una o l'altra posizione su questo, ne consegua che il discorso di Ferrara abbia una sua coerenza interna, oppure che non abbia alcun senso. Se voi non pensate che il feto sia "una persona" (...), discutere con Ferrara è del tutto inutile. Le divergenze discendono tutte da lì. E io stesso, se fossi convinto che il feto sia una persona come la altre, definirei di conseguenza l'aborto un omicidio. E io stesso, se pensassi che il feto sia una persona come la altre, riterrei di avere voce in capitolo sulla sua sorte quanta ne ha sua madre. Eccetera". (...)

    Questo per spiegare il giudizio di Sofri che (per mia colpa) pensavo avessi letto. http://www.wittgenstein.it/post/20080224_80128.html

    Quanto al resto; è ovvio che Ferrara non pensa che ad abortire si vada saltellando.
    Quello che dice Ferrara è che la scelta di abortire dovrebbe essere l'ultima, mentre la Bignardi pensa che la scelta delle donne sul loro pezzo-di-corpo/feto/persona sia la prima

    Gli uni dicono "aborto = omicidio"
    Gli altri dicono "aborto = scelta necessaria per completarsi nel lavoro perché solo così poi si riesce per davvero a amare un bambino"

    (Poi ci sarebbe la legge che dice che è lecito - ergo non è un omicidio - e che però non dice neppure che sia un diritto esercitabile senza se e senza ma trattando il "coso" al pari dell'appendicite)


    Ad ogni modo tutto si riduce a quel che diceva Sofri: o di qua o di là. Il che risponde alla tua domanda: quello che per te è un 6-0 per altri è un 0-6.


    Vano

    RispondiElimina
  7. per me ha vinto Ferrara.Ai punti.per quella battuta terribile della Bignardi sulle donneimmigrate.
    Terribile.
    Laura

    RispondiElimina