venerdì 29 febbraio 2008

Meno male che c'è la Lucarelli

Mentre noi tutti qui ad accapigliarsi sul perchè e sul per come della lite Zampaglione-Frankie Hi-nrg, lei da Sanremo la risolve così, all'italiana: "Dietro il pesante confronto verbale tra il leader dei Tiromancino Federico Zampaglione e il rapper Frankie Hi Energy avvenuto al dopofestival c'è della ruggine antica. Pare infatti che qualche anno fa, prima del suo incontro fatale con Claudia Gerini, Zampaglione avesse soffiato la fidanzata proprio a Frankie Hi Energy. Il rapper non perdona".

Prossimo passo, le magliette

Il dibattito su chi tra Federico Zampaglione e Frankie Hi-nrg sia il più cretino sta appassionando grandi e piccini, giornalisti e scrittori, blogger di ogni età. Io dieci minuti fa stavo decisamente per Frankie Hi-nrg quando ecco che qualcuno rivela che tra i due le ruggini sono antiche: il ritornello di "Quelli che ben pensano" è infatti farina del sacco di Riccardo Sinigallia e quindi quello di ieri altro non sarebbe che un piccinissimo (per altezza morale dei protagonsiti, altissimo per il divertimento che a noi arreca) regolamento di conti postumo. Detto questo: se Zampaglione fosse stato così ironico da rispondere ieri una cosa del tipo: "Sei invidioso perchè io me' scopo a' gggerini", giuro che avrei io stessa prodotto magliette con su scritto "Team Zampaglione".

giovedì 28 febbraio 2008

Ma dai

Il magazine Maxim fa la scoperta del secolo e dice che dare i voti ai dischi senza averli ascoltati non è corretto (loro ovviamente l'hanno fatto e sono stati beccati)

martedì 26 febbraio 2008

Detto con convinzione

Mi piace - e tanto - il pezzo di Tricarico (che ha cantato ieri, lo so,ma me ne sono ricordata solo adesso vedendo il riassuntino)

Un uomo spericolato

Ferrara ha messo in homepage sul sito del Foglio il link al video della sua intervista alle Invasioni Barbariche, una performance riassumibile in termini tennistici con un 6-0, 6-0, 6-0 per Bignardi (al netto della maleducazione e delle cadute di stile del tipo "iconcina della Milano di Berlusconi"). Quindi, o l'uomo non si è reso conto del risultato, o le sue strategie comunicative stanno battendo strade mai battute prima, o non ha senso del ridicolo o se ne frega oppure tutte queste cose insieme.

lunedì 25 febbraio 2008

Un uomo, una notizia

Prima si scopre che Noel Gallagher sta pensando di vendere la sua villa di Ibiza perchè ha come vicino James Blunt e non sopporta l'idea di "Blunt writing crap tunes up the road". Poi, ecco che Petra Nemcova, ex di James Blunt, compare alla cerimonia degli Oscar al braccio di Sean Penn. Non oso pensare quale notizia Blunt-related ci aspetterà domani.

domenica 24 febbraio 2008

Previsioni e speranze

Peccato non si faccia la diretta su Macchiaradio perchè quest'anno arrivo preparata: ho visto praticamente tutti i film in concorso nelle categorie che contano. E quindi, dall'alto della preparazione ecco le mie speranze per gli Oscar principali che potrebbero anche coincidere con previsioni più o meno sensate:
Attore protagonista: Daniel Day Lewis
Attore non protagonista: Javier Bardem
Attrice protagonista: Marion Cottillard
Attrice non protagonista: Tilda Swinton
Miglior film: No country for old men
Miglior regia: There will be blood
Sceneggiatura originale: Juno
Sceneggiatura non originale: Lo scafandro e la farfalla

venerdì 22 febbraio 2008

Una manifestazione obsoleta, fuori dal tempo, ormai lontana dai gusti della gente e dai problemi del paese reale

Potrei sbagliarmi, ma tra tutte le canzoni del Festival di Sanremo non ce ne è neanche una che parla di aborto (sì certo, ci sono i licenziamenti di massa da parte delle grandi aziende e gli amori gay, ma sono argomenti so last year, oramai).

giovedì 21 febbraio 2008

Consigliato da Giuliano!


Non contento di aver raccontato la trama di Juno per filo e per segno ieri sera a Matrix, oggi Giuliano Ferrara su Panorama scrive un editoriale tutto sul film. Titolo: "Juno, madre piccina e gigantesca".
Rassegnamoci, ormai è il suo film.

mercoledì 20 febbraio 2008

Fossi figa


Fossi magra, ricca, slanciatissima, insomma fossi figa il prossimo autunno/inverno vestirei solo Bottega Veneta

lunedì 18 febbraio 2008

Se il Conte di Montecristo fosse stato un barbiere

Si sarebbe chiamato Sweeney Todd, probabilmente, perchè la storia è un po' quella. Giudizio critico da una che non ama i filmn di Tim Burton alla follia: bello, divertente, un po' cattivo forse, forse anche meno poetico di altri film di Burton, però davvero bello e incredibilmente poco fastidioso per essere un musical (del tipo: alla terza canzone, quando per dirsi buongiorno e buonasera tutti ricominciano a cantare per l'ennesima volta, non ti viene voglia di urlare in preda a crisi isterica come succede in altri musical).
Copmunque, per avere un'idea, qui ci sono un po' di video

domenica 17 febbraio 2008

Devo scioperare e non ho niente da mettermi

Lo vedo solo ora che lo sciopero è finito, ma questo pezzo di Plum Sykes sul bon ton da picchetto è stupendo.

Essere un discografico, negli Anni 90

Interessante articolo verità del tipo "la caduta dell'Impero Romano" scritto da John Niven - all'epoca A&R dell'etichetta London Records - sull'incompetenza, la coglionaggine, l'arroganza e il divertimento dei discografici di allora, ventenni che giravano il mondo "on a diet of vodka and cocaine while being wildly overpaid".

"A&R men “used to go and see their band playing at Wembley and think: ‘I'm the king!' Now they are thinking: ‘I'm the only guy not making any money out of this!'"

giovedì 14 febbraio 2008

Scopri le differenze


No, non è lei. É una modella, si chiama Isabeli Fontana ed è la protagonista di un servizio di moda di Vogue Francia tutto dedicato ad Amy Winehouse. Un'idea così bella, così semplice, così temporalmente perfetta che pare strano non sia venuta prima a qualcun altro (ma d'altra parte si sa che quelli di Vogue Francia sono i più fichi del mondo).

Faccio cose, vedo gente



foto trovata su cinemotoreonline.net

PS Sul sito di Rolling Stone Italia c'è addirittura una testimonianza video

Finalmente qualcosa in comune


Ma fino a oggi, dove le aveva tenute nascoste?

mercoledì 13 febbraio 2008

Un vuoto incolmabile/2

É morto Henri Salvador

Un vuoto incolmabile

A me Ritanna Armeni sta molto simpatica, ma benedetta donna, tutta sola lì in quel grande studio, seduta a quell'enorme tavolone, ecco, fa un po' tristezza.

PS la sensazione di smarrimento che si respira a Otto e mezzo senza Ferrara è totale: dopo un'articolata domanda della Armeni, Tremonti con l'occhio di Bambi che ha appena perso la mamma ha detto: "scusi, quale era la domanda?".

Dove eravamo rimasti?

Adesso che lo sciopero degli autori americani è finalmente finito, serve un piccolo riassunto degli episodi già pronti da mandare in onda, serie per serie, e di quelli ancora da scrivere per finire la stagione.

lunedì 11 febbraio 2008

Family Day

Non ho capito bene chi organizza il family day quest'anno, ma chiunque sia farebbe bene ad assicurarsi tra le sue file Amy Winehouse, che nel discorso di ringraziamento per i cinque Grammy vinti la notte scorsa ringrazia sul palco non il suo dermatologo, nè il suo agente, nè il suo stylist, nè il suo dietista e neppure il dentista (che pure dovrebbe ringraziare visto l'eccellente lavoro svolto). No, Amy Winehouse ringrazia e abbraccia papà e mamma. Ed è una scena bellissima. Qui il video.
PS per la cronaca anche un commosso Kanye West ha dedicato i premi alla sua mamma morta un mese fa

domenica 10 febbraio 2008

Kool Thing


I Sonic Youth hanno suonato alla sfilata di Marc Jacobs che ha chiuso la settimana della moda di New York, tre giorni fa. Qui un racconto piuttosto dettagliato. Qui una galleria fotografica.

4 secondi (in realtà sono diciassette)

La tanto attesa collaborazione tra Madonna e Justin Timberlake ha finalmente un titolo: "4 Seconds To Save The World". Qui è scaricabile un assaggio di 17 secondi. Prima impressione: nessuna sorpresa. è un pezzo che più Timbaland non si può

PS qui ci sono altri 36secondi, ma forse è una versione differente, già un remix dell'originale

sabato 9 febbraio 2008

We thought he was safe


Nel giorno dei funerali di Heath Ledger, uno dei ritratti più belli che abbia letto in questi giorni, quello scritto da una giornalista del New York Magazine che vive a Brooklyn, dove Heath e la ex fidanzata Michelle Williams avevano comprato casa.
"At the very least, for a brief moment, we could stand next to the fire of their beauty, the breathlessness of their youth and glory, while we pretended to ignore them at Bar Tabac".

venerdì 8 febbraio 2008

In Amy we trust

Ma se pur di farla esibire la fanno cantare in collegamento via satellite, vuol dire che sanno già che qualcosa ha vinto, no?

giovedì 7 febbraio 2008

Mancava solo lui


Anche Morrissey* sostiene Obama.
*(la foto - trovata su musicslut - è stata scattata a un concerto a Londra, a fine gennaio. Gesù quanto è ingrassato!)

Tizianone goes crossover

Come probabilmente molti già sanno, nel nuovo disco dei Linea77 canta anche Tiziano Ferro. Il brano si intitola Sogni Risplendono ed è ascoltabile qui fino a domani (poi tutti a comprare il disco, forza, chè sono amichetti e bisogna sostenerli).

Ne parlano tutti bene

Di Adele, certo, ma anche di Duffy, ribattezzata dal Los Angeles Times "a female Otis Redding".
PS per ora io preferisco Duffy, ma potrei anche cambiare idea
PS2 Il Guardian dice che tra le due litiganti è meglio la terza: Laura Marling (grazie a Luca)

Attenzione all'ultima lettera

Lez Zeppelin suoneranno al Bonnaroo Festival

(non vi preoccupate, non siete gli unici ad aver fatto fatto confusione)

mercoledì 6 febbraio 2008

martedì 5 febbraio 2008

Bandierine 2.0


Per seguire i risultati di Super Tuesday, la CNN mette in campo il Magic Wall. una specie di enorme tabellone interattivo, ma molto più figo di qualsiasi altro touch screen perchè "it can register and respond to hundreds of interactive touch points at the same time. “Think of it as a giant iPhone with a hundred fingers on it,” said David Bohrman".
Qui una spiegazione un po' più dettagliata di come funziona.

Ma chi l'avrebbe detto

Perez Hilton vota per Hillary Clinton.

lunedì 4 febbraio 2008

Back to black

Persino Mark Ronson - il dj-produttore più cool, fighetto e meglio pettinato del momento - sostiene (anche economicamente) Barack Obama

Yes, we can (full length)

Del video ormai parlano tutti. Qui la trascrizione integrale dello speech pronunciato da Obama dopo la vittoria in South Carolina.

(...)There are those who will continue to tell us that we can't do this, that we can't have what we're looking for, that we can't have what we want, that we're peddling false hopes. But here is what I know. I know that when people say we can't overcome all the big money and influence in Washington, I think of that elderly woman who sent me a contribution the other day, an envelope that had a money order for $3.01 along with a verse of scripture tucked inside the envelope. So don't tell us change isn't possible. That woman knows change is possible.

When I hear the cynical talk that blacks and whites and Latinos can't join together and work together, I'm reminded of the Latino brothers and sisters I organized with and stood with and fought with side by side for jobs and justice on the streets of Chicago. So don't tell us change can't happen. When I hear that we'll never overcome the racial divide in our politics, I think about that Republican woman who used to work for Strom Thurmond, who is now devoted to educating inner city-children and who went out into the streets of South Carolina and knocked on doors for this campaign. Don't tell me we can't change.

Yes, we can. Yes, we can change. Yes, we can.

domenica 3 febbraio 2008

Approved by Barack Obama




Lo spot con cui Caroline Kennedy fa l'endorsement che potrebbe rivelarsi decisivo.

E pensare che io ce l'avevo



Il telefono a forma di hamburger che si vede in una scena di Juno sta andando a ruba negli Usa. Io da ragazzina ce l'avevo, regalo di un amico di mio padre che lavorara alla Kraft. Chissà che fine ha fatto. Su ebay comunque se ne trovano, anche se quello ufficiale dato in omaggio a pochi fortunati è questo.

sabato 2 febbraio 2008

«I'm fucking Matt Damon»




Quello di cui tutti i blog americani parlano: Sarah Silverman al Jimmy Kimmel Show. In effetti piuttosto divertente. Soprattutto, prego notare come Matt Damon sia ormai diventato argomento privilegiato di barzellette, un po' come i carabinieri.

venerdì 1 febbraio 2008

Qui non si parla del culo di Moretti

Ma della sua faccia. Perchè è una faccia bellissima, intensa, sofferente, ironica, rassegnata quando deve. Una vera faccia d'attore al servizio di un film con molte cose positive (i dialoghi, ad esempio, finalmente veri, credibili, con gente che dice "che cazzo è successo" e parla come parliamo noi nella vita di tutti i giorni) ma anche con parecchie cose che non funziano (la storia sembra compressa, certi personaggi sono macchiette senza senso, Moretti stesso a volte è troppo surreale, troppo tipicamente morettiano dentro a un film che invece vuole essere piuttosto aderente alla realtà).
Meno male che alla fine tutto quello che rimane è l'espressione della sua faccia, che ormai è la faccia di uno a cui si vuole bene, di un amico, di uno di famiglia. E quando si vede star male uno a cui si vuole bene, be' alla fine è inevitabile soffrire un po' anche noi.

«Listen to Tommy with a candle burning, and you'll see your future»


Ricordate questi occhioni? In Almost famous Zooey Deschanel era la sorella di Cameron Crowe / William Miller, quella che gli lascia in eredità i dischi quando scappa di casa per andare a fare l'hostess. Adorata dagli stilisti e iconcina indie già da un po' di tempo, Zooey ha inciso un disco assieme a M Ward il musicista, indie pure lui, con il quale si esibisce già da un po'.