lunedì 2 giugno 2008

Elementi di immobiliarismo amoroso

Urge nuovo manuale che classifichi gli uomini in base a come si pongono nei confronti del mercato immobiliare. A una settimana dall'aver messo in affitto il mio monolocale ho già avuto a che fare con diverse tipologie di maschio, la disposizione dei quali nei confronti dell'oggetto "casa in affitto" non può non essere altamente rivelatoria della loro disposizione nei confronti degli oggetti "femmina" e "relazione sentimentale".

L'adolescente trafelato
Arriva a vedere la casa che è già indeciso. Vorrebbe, ma non è sicuro. Non sa. Ci vuole pensare. Si prende qualche giorno per riflettere. Dice che chiamerà lui. Dopo una settimana non ha ovviamente chiamato. Lo chiami tu. "Stavo giusto per chiamarti io", dice. Abbozza. Balbetta mille scuse. La casa gli piace, ma dice di non si sentirsi pronto. Non è il momento giusto. Forse tra qualche mese. Chissà. Si farà vivo lui.

Il maschio ipertecnologico
Arriva deciso e organizzato. Puntuale e preciso. Tira fuori la macchina fotografica e scatta ossessivamente decine di fotografie. Fa miriadi di domande tecniche alle quali voi non sapete ovviamente rispondere. Prende appunti. Fa calcoli. Misura tutto. Se ne va dicendo che si prende qualche giorno per pensarci: prima deve tornare a casa, scaricare le foto sul computer, fare una simulazione in CAD, chiedere consiglio all'amico architetto.

Il frequentatore di profumerie
Non ha ancora messo piede in casa (vostra) che vi ha già sciorinato cinque idee brillantissime su come migliorare l'appartamento. Conosce tutti i negozi di mobili, tende, elettrodomestici, pentole, articoli da bagno, insomma qualsiasi cosa inerente alla casa lui la sa (così come non manca di mettervi al corrente che è piuttosto informato di tutto: dalla politica, allo sport, dal cinema alla letteratura russa). Si congeda con un commento sui gerani del terrazzo che secondo lui avrebbero urgente bisogno di una potatura.

Lo stronzo doppia esposizione
Vi chiama sette volte in due giorni per fissare l'appuntamento. Vi scrive quattro mail. É brillante e spiritoso, fa molte domande, si interessa. Vi tratta come se vi conosceste da mesi. Se non aveste paura di essere prese per mitomani giurereste che un po' flirta. Capite che flirta decisamente quando, durante l'ultima telefonata, butta lì l'idea di un aperitivo, dopo aver visto la casa. Il giorno stabilito voi siete sotto il portone puntuali. Lui, dopo dieci minuti non si vede ancora. Lo chiamate, ma il telefono è staccato. Aspettate altri dieci minuti. Non arriva. A casa controllate la mail: nessun messaggio. Non avete mai pi sue notizie.

7 commenti:

  1. manualista di riferimento3 giugno 2008 11:34

    c'è già. non mi ricordo il titolo, ma c'era un'intervista all'autrice sul cosmopolitan che ho visto dall'estetista. tra l'atro nell'attacco del pezzo si diceva "ah sì poi ci sarebbe anche la soncini che invece gli uomini li paragona a investimenti"

    RispondiElimina
  2. Io ti ho scritto una email riguardo al tuo appartamento ma non mi hai mai risposto...: (

    RispondiElimina
  3. Caroline: tu hai lasciato un commento sul blog, non una mail. scrivimi a simona.siri@hotmail.com

    RispondiElimina
  4. Forse è perché non si capisce bene se a essere sul mercato sia la tua casa o tu. O entrambe.

    RispondiElimina
  5. No, ti ho proprio mandato una email.
    Adesso te ne ho mandata un'altra, spero non si perda nell'iperspazioweb.

    RispondiElimina
  6. be' caro r., è ovvio che chi si piglia casa + proprietaria ha diritto a uno sconto stra-to-sfe-ri-co

    RispondiElimina
  7. Lo vedi che sei poco chiara? Lo fossi stata un po' di piu, probabilmente ti saresti risparmiata almeno uno dei profili (credo il primo).

    RispondiElimina